Currently browsing category

Articoli

La Psicopatologia nella Pandemia

Il momento storico in cui viviamo rappresenta un impegno gravoso per il nostro sistema emotivo. Le preoccupazioni quotidiane sono portate all’esasperazione da …

Io chi sono? Quando si tradisce se stessi: il Falso sé

Il falso sé è un concetto che fu descritto da Donald Winnicott, psicoanalista e pediatra inglese e descrive una modalità patologica di sviluppo dell’identità. Nei primi stadi dello sviluppo infantile, è possibile che il bambino non trovi nella madre rispecchiamento dei suoi bisogni e desideri, ma anzi, la richiesta di assecondare i suoi bisogni e desideri. In questo modo il bambino impara a basare il proprio senso di identità nell’accondiscendere alle richieste altrui.

I Peter Pan e i Manolescent: la difficoltà di crescere.

Nel 1983 con la pubblicazione del libro di Dan Kiley, intitolato The Peter Pan Syndrome: Men Who Have Never Grown Up, si pone all’attenzione un quadro comportamentale in cui una persona non vuole crescere o maturare, Accanto a questo stile comportamentale attualmente osserviamo quello dei manolescent (man + adolescent) adulti che sono rimasti bloccati nella fase adolescenziale della vita.

Epoca di una civiltà inquieta.

A differenza di altri periodi storici che hanno visto la morte di grandi imperi o la fine di convinzioni scientifiche, noi viviamo in un epoca in cui si sgretolano le convinzioni più quotidiane: “il matrimonio è per sempre”, il “posto fisso” al lavoro, ci si sposa, si faranno di figli. Il progresso tecnologico si è sviluppato sempre più velocemente lasciando indietro lo sviluppo delle coscienze, dei rapporti umani e uno dei primi effetti di questa nuova società è la paura della solitudine, il bisogno di non sentirsi soli. Il risultato lo abbiamo attorno, una società perennemente insoddisfatta, dove la solitudine la fa da padrona ed il fulcro dei sentimenti, quelli autentici, diventa sempre più spesso rintracciabile solo nei social o in relazioni mordi e fuggi.

La “buona” comunicazione in azienda

L’importanza della comunicazione all’interno di una organizzazione si estende a diversi livelli, da una parte vi sono i bisogni e le necessità dell’azienda stessa mentre dall’altra quelli degli individui che la compongono. La comunicazione organizzativa si può descrivere come l’insieme dei processi di creazione e di scambio dei messaggi e delle informazioni nelle reti di relazioni che costituiscono l’organizzazione stessa.

Tecnologia e vita quotidiana

L’avanzamento dello sviluppo tecnologico ha avuto e continua ad avere un forte impatto nelle vite di tutti noi, ma che effetto ha l’uso massivo di internet e dei vari device sugli individui con il passare del tempo? Migliora la nostra vita? Le nostre capacità cognitive o sociali sono modificate?

Perché faccio ciò che faccio? La motivazione

La spinta motivazionale ad agire entra in gioco quando l’individuo perde il proprio stato di equilibrio a causa di un bisogno che insorge. Questa situazione porta ad agire sull’ambiente per ristabilire l’ordine perduto. Il comportamento motivato è quindi caratterizzato dalla mobilitazione delle risorse fisiche e psicologiche, dalla reiterazione degli sforzi fino al raggiungimento dell’obiettivo e dalla variabilità dei tentativi.

Una vita emotivamente sul filo: la personalità Borderline

Le persone che soffrono del disturbo borderline di personalità hanno repentini cambiamenti di umore, instabilità dei comportamenti e delle relazioni con gli altri, marcata impulsività e difficoltà ad organizzare in modo coerente i propri pensieri. Questi elementi si rinforzano reciprocamente, generando notevole sofferenza e comportamenti problematici. Le persone pur essendo dotate di molte risorse personali e sociali, realizzano con difficoltà e a fatica i propri obiettivi.